logo la vignetta 2021.png


La Francia è campione del mondo per la seconda volta nella sua storia! Dopo il successo del 1988 con Brasile, a distanza di vent’anni, i galletti tornano ad alzare il trofeo più ambito in Russia contro la Croazia. Finisce 4-2 per i francesi, ma il risultato, sulla carta schiacciante, non rispecchia il reale andamento di una partita incerta dove i croati hanno tenuto le redini del gioco fino al crollo del secondo tempo. I Blues non sono stati esaltanti, ma contando su delle individualità incredibili come Griezman, Pogba e, più di tutti, il giovanissimo talento Mbappè, sono riusciti a capitalizzare al meglio tutte le occasioni che hanno avuto. La Croazia paga pesantemente l’inesperienza (era la loro prima finale in assoluto) e la poca concretezza nel finalizzare un gioco pulito ed organizzato. L’allenatore dei Blues, Didier Deshamps diventa il terzo della storia ad alzare la coppa sia da giocatore che da allenatore. Criticato fortemente dalla stampa francese per alcune sue scelte ed etichettato come “fortunato”, l’allenatore transalpino ha fatto tacere tutte le critiche portando di nuovo a Parigi la coppa; in fondo nel calcio, come nella vita, ci vuole anche un po’ di..fortuna!

#Francia #CoppadelMondo #Fifaworldcup #Croazia #Mbappè #Finale #russia2018 #Deshamps



Il mondiale in Russia continua a riservare grandi emozioni. E delusioni; soprattutto tra i primi della classe. Già perché dopo la Germania escono anche Argentina, Spagna e Portogallo, in quello che sarà ricordato come uno dei mondiali più incerti ed equilibrati della storia. Sabato scorso, per di più, si è registrato il duplice addio al mondiale dei due giocatori più forti al mondo, Cristiano Ronaldo e Lionel Messi, che si pensava dovessero essere i protagonisti assoluti della competizione. Ed invece la Pulce argentina è stato praticamente un fantasma per tutto il girone, ed illuminante solo a sprazzi nell’ottavo di finale; lascerà probabilmente la selecciòn senza nessun gol in una fase finale di un mondiale, e l’ombra di Maradona si fa sempre più grande e ingombrante nella carriera di Messi. CR7 invece aveva cominciato in Russia alla grande, ma si è andato via via spegnendo fino alla prestazione incolore contro l’Uruguay di Cavani.

Insomma cadono le stelle mentre questa Fifa World Cup lancia un grande segnale al mondo del calcio: per quanto tutto giri intorno ai Campioni (ed ai milioni) alla fine dei giochi quello che conta è sempre il gruppo, nessuno può vincere da solo; nemmeno se sei Messi o Ronaldo.

#CristianoRonaldo #mondialidicalcio #FifaWorldCup2018 #CoppadelMondo #Messi #russia2018



Sono appena iniziati i Mondiali di Calcio 2018 in Russia, e già dalle prime partite si possono fare alcuni bilanci; da molti anni non vedevamo un inizio così entusiasmante ed incerto: le big al match d’esordio hanno steccato o comunque non hanno convinto pienamente, le “piccole” non sono mai state così agguerrite e competitive, le nuove tecnologie (VAR) hanno introdotto al mondiale nuovi sviluppi ed interesse. Insomma pare proprio che Russia 2018 si canditi ad uno dei mondiali più belli di sempre. E la Nazionale Italiana dov’è? Lo guarda mestamente da casa.

Anche per questo fa ancora più male, forse, non essere lì. Penso che nessuno abbia l’incoscienza e l’arroganza di pensare che la nostra nazionale, così povera di stelle e bel gioco, sarebbe potuta andare molto lontano..però in questa pioggia di emozioni e di stelle, avrebbe potuto esserci per ritagliarsi il suo, anche piccolo, spazio.

Ma la cosa che più addolora in tutto questo è non poter sentire il fermento della gente nell’aspettare le partite degli azzurri; quella strana eccitazione, mista a paura e speranza, di fare l’impresa; il piacere di condividere il momento della partita con gli altri, di coinvolgere anche chi, durante il corso dell’anno, del calcio proprio non frega nulla.

Ecco dunque la “foto di squadra” degli azzurri per quest’anno, incollati al divano, come tutti noi, a vedere giocare gli altri senza diritto di replica. Forse servirà da monito per provare a credere più nei giovani saranno i campioni del futuro.

Nel frattempo, scimmiottando una famosa pubblicità degli anni ’90 diciamo: “Italia, che disdetta! Mondial-casa ti aspetta!”

#bonucci #Mancini #russia2016 #insigne #Chiellini #CoppadelMondo #Mondiali #Buffon #NazionaleItaliana #verratti

La Vignetta è anche sui social!

Clicca sulle icone in basso per andare sulle pagine dedicate.

Design by Alessandro Federico-Veca

all right reserved © alessandrofederico.it