logo la vignetta 2021.png

Certe passioni non finiscono... dopo due anni di silenzio La Vignetta ritorna con una formula ed un visual tutto nuovo. Una copertina al mese, un "calendario" illustrato degli avvenimenti italiani (e non solo) più importanti, con la verve e l'ironia di sempre. Buon inizio anno e buona visione.



È arrivato il momento dei saluti.

Sono passati sette anni da quando decisi di dare vita a La Vignetta ed iniziai a disegnare quello che succedeva in Italia e nel Mondo con occhio critico e tanta ironia; non avevo idea di quello che sarebbe successo da lì in futuro, e di cosa sarebbe diventato per me questo blog.

Ritorno indietro e rivedo le miriadi di vignette realizzate nel tempo: un racconto a fumetti di quella che è stata la nostra società in questi anni. Non vi nego un certa emozione nel costatare di aver, nel mio piccolo, raccontato un pezzo di storia ma anche e soprattutto di umanità. Col tempo sono arrivati diversi premi e riconoscimenti, ma soprattuto il vostro incredibile supporto: voi che mi avete accompagnato in questa bellissima avventura spronandomi sempre a continuare.

Non potrò mai scordare di come la creazione di questo blog nel 2012 mi abbia aiutato a combattere la malattia che da lì in avanti mi avrebbe accompagnato lungo il mio percorso di vita; di come un semplice segno su un foglio possa sprigionare una tale energia e voglia di vivere che va al di là di qualsiasi sofferenza fisica. Non lo dimentico nemmeno adesso che sento di dover dare vita e spazio a nuovi progetti, nuovi sogni.

Come tutte le cose più belle, dunque, anche questa straordinaria avventura giunge al termine. Almeno per ora.

Non mi resta che farvi un inchino per ogni volta che avete perso anche un solo instante davanti ad una mia vignetta, riuscendo magari a strapparvi anche un sorriso.

Dal profondo del cuore, GRAZIE.

Alessandro




È successo praticamente di tutto attorno al decreto fiscale proposto dalla premiata ditta Lega-M5S: polemiche, scontri interni, sospetti e riappacificazioni..come nelle migliori trame di un best seller (un giallo, ma anche un horror). Momento clou l’intervento di alcuni giorni fa di Luigi Di Maio a Porta a Porta, dove ha dichiarato che una “manina” aveva manipolato il decreto inserendo norme sul condono oltre che uno “scudo fiscale” che agevolava il malaffare. Tanti i sospetti da parte dei grillini, in particolare modo sul sottosegretario di Stato, il leghista Giancarlo Giorgetti, difeso a spada tratta da Matteo Salvini che da Mosca ha dichiarato: “Noi siamo gente seria e non sappiamo niente”. Di Maio risponde piccato: “Non passo per scemo”. A rincarare la dose di veleno e tensione ci hanno pensato altri illustri esponenti dei due partiti con le loro dichiarazioni, da Toninelli a Fico, mentre il premier Giuseppe Conte ha provato a stemperare gli animi e riappacificare la “famiglia allargata” lega-5stelle.

Dopo essersi tirati le pezze per giorni, alla fine Salvini e Di Maio hanno finalmente fatto pace, trovando anche l’accordo sul decreto. Tutto risolto? Per adesso pare di si, nell’attesa della prossima “orripilante” puntata.

#Robertofico #GiancarloGiorgetti #LuigiDiMaio #Manina #Governo #Pacefiscale #DaniloToninelli #Giuseppeconte #halloween #FamigliaAddams #MatteoSalvini #DecretoFiscale #condono

La Vignetta è anche sui social!

Clicca sulle icone in basso per andare sulle pagine dedicate.

Design by Alessandro Federico-Veca

all right reserved © alessandrofederico.it